04/03/12

Scansioni online, la protezione on the cloud

Le differenze tra virus informatici e quelli veri sono relativamente sottili, e come nella vita reale fà piacere avere più di un parere medico, anche nel mondo informatico è bene avere più responsi.

I file scaricati da internet possono riservare sorprese e il nostro antivirus potrebbe non accorgersene, come facciamo ad avere maggiori certezza sulla bontà di un file?

La soluzione è "on the cloud" la nuvola cibernetica di cui tanto si sta parlando negli ultimi anni permette scansioni multiple e report quasi istantanei, vediamo alcuni strumenti utili allo scopo.


Un pò il pioniere di questa tecnologia Virustotal.com è a mio avviso il migliore effettua scansioni in maniera rapida con la maggior parte degli antivirus in commercio, velocizzato anche da un database che memorizza i risultati dei file caricati per non doverli riscansionarli, il limite dei 20mb in upload non è poi un limite (siamo seri 20mb di virus?!?!), servizio reso ancor più fruibile dal uploader installabile su Windows che con pochi click permette l'upload e la scansione dei file che vogliamo analizzare.


Download:

Virustotal Uploader


Novirusthanks, l'invito di questo sito pare chiaro, anche in questo caso scansione per mezzo di upload su sito con limite di 20mb, anche in questo caso troviamo un software uploader, inferiori motori di ricerca ma più opzioni e funzioni software.


Download:

Novirusthanks Uploader



JottiQ  un altro servizio analogo ai due precedenti, scansiona affidandosi a molti motori antivirus e permette scansioni multiple di file, ha un interfaccia gradevole e intuitiva, funziona unicamente via software non ha un interfaccia online come i due precedenti, anche se i risultati sono visionabili anche online.



Download:

JottiQ


Menziono anche Meta Scan, servizio unicamente web di upload e scansione che però a differenza degli altri permette 40mb di massimale per l'upload, e X-Ray software creato da Raymond famoso blog informatico statunitense che permette la scansione con ben 31 motori di ricerca antivirale, ma è un pò macchinoso da impostare.

Sarà grazie al cloud computing che riusciremo a bloccare la minaccia virus? fatemi sapere la vostra.

Reazioni:

0 - Clicca qui per commentare l'articolo:

Rispondi: