17/01/08

Windows XP Pro. LiveCD? Si è possibile!


La cosa che mi è sempre piaciuta dei sistemi Linux è quella che possono essere avviati senza essere installati, cioè viene caricata da un CD il sistema sulla RAM che ci permette di vedere in anteprima com'è il sistema, questa caratteristica è presente anche perchè le versioni di Linux sono moltissime e sarebbe impossibile installarle tutte per provarle.

Questi CD si chiamano "LiveCD" e ci permettono di avere un sistema operativo sempre con noi.

Windows però non ha questa caratteristica nativa infatti và per forza installato per essere utilizzato (parliamo ovviamente di quello originale).



Esiste un modo però per crearsi una versione precostruita e LiveCD, le varie guide per crearvene una personalizzata le trovate su google basta cercare, infatti io non vi spiegherò come farlo visto che è un processo abbastanza macchinoso e il mio blog voglio che sia alla portata di tutti.




Per questo mi sono preoccupato di trovare per voi un immagine ISO da masterizzare con il vostro programma di masterizzazione.

Questa ISO comprende Windows XP Pro. in italiano e i seguenti programmi:

-Acrobat Reader
-Ad-Aware
-ClamWin antivirus
-Firefox
-Paragon HardDisk Manager
-Nero
-OpenOffice
-Partition Magic
-WinRar
-e molti altri ancora

Molto utile in caso di crash del sistema, virus, per testare pc senza HD e molto ancora.

Ovviamente per utilizzare questa LiveCD dopo averla masterizzata su di un CD dovrete settare il Bios del PC dove la utilizzerete, andando a impostare come primo Boot appunto il CD


(l'immagina può variare da bios a bios)

Una volta fatto salvate le nuove impostazioni e riavviate con il CD dentro e premete un tasto qualsiasi quando vi verrà chiesto, a questo punto partirà il sistema operativo.

Ovviamente una Live rispetto a una versione installata a molte limitazioni quindi non è assolutamente un sostituto ma diciamo un Sistema Operativo da usare nei casi sovra citati.

Link HTML: LiveCD Part1
Link HTML: LiveCD Part2

Link eMule: LiveCD

Reazioni:

0 - Clicca qui per commentare l'articolo:

Rispondi: